Le pietre di Ica – OOPART e tesoro archeologico

Furono molti i tesori archeologici che una volta scoperti o riscoperti nel nuovo mondo passarono inosservati da parte di quei navigatori portoghesi e spagnoli del XVI secolo.

Alcuni, come le cosiddette pietre di Ica, mantennero il loro segreto fino ad oggi, come se questi OOPART avessero la strana proprietà di destabilizzare tutta la cronologia della storia dell’essere umano, come se fossero lì con il compito di farci dubitare.

Forse gli oggetti fuori dal tempo più interessanti della storia sono le pietre di Ica. Le pietre di Ica sono una collezione di pietre del tipo andesitico, provenienti dal Perù e classificate come OOPART o oggetti che non fanno parte del tempo, non si adattano al tempo e allo spazio e dalla scienza sono considerate una frode, giacché la verità che nascondono queste pietre distruggerebbe la storia come la conosciamo.

La scienza verrebbe esposta davanti alla possibilità che tutto quello che ci raccontano sull’essere umano sono solo bugie.

Anche se alcune sono state datate fedelmente da parte di istituzioni scientifiche, queste pietre sono caratterizzate da decorazioni con presunti disegni antichi di dinosauri e artefatti tecnologici avanzati.

Le pietre di Ica sono come una specie di opere d’arte incise e lucidate che hanno strani disegni sulla superficie. La cosa incredibile é che queste pietre mostrano i diversi stadi di sviluppo di alcuni dinosauri. Alcuni di questi disegni mostrano anche operazioni a cuore aperto. I disegni più incredibili sono quelli che mostrano esseri umani che cacciano dinosauri come triceratopi o plesiosauri. Tutto si vede chiaramente nei disegni, ma come è possibile che delle persone abbiano fatto questi disegni non avendoli mai visti? Le pietre mostrano una autentica battaglia fra esseri umani e dinosauri, qualcosa che è totalmente impossibile per la scienza attuale. Le storie che ci raccontano queste pietre di Ica sono praticamente fantascienza.

Furono scoperte nel 1966 dal dottor Cabrera, un uomo di scienza che rapidamente si rese conto del fatto che le scene rappresentate non potevano essere state descritte da una cultura precedente alla scoperta. La più grande collezione di queste pietre, più di 300, si trova oggi a Barcellona: trasfusioni di sangue, trapianti di organi, lenti, obiettivi, occhiali, anche telescopi.

Per il dottor Cabrera c’erano solo due opzioni: o un’antica civiltà possedeva una tecnologia capace di rompere con tutte le cronologie della nostra evoluzione o qualcuno proveniente dalle stelle e da un mondo infinitamente più sviluppato del nostro diede loro queste conoscenze migliaia di anni fa.

Una delle pietre mostra una donna in gravidanza e il sangue di quella donna va una specie di sonda che è in comunicazione con un’altra persona a cui stanno facendo una operazione al cuore.

             

Quando queste pietre furono scoperte non si sapeva ancora che il sangue delle donne incinte può migliorare ed evitare il tema del rigetto di organi nuovi.

Se dobbiamo pensare che migliaia o milioni di anni fa qualcuno già faceva trapianti di organi e anche che il paziente non moriva, stiamo parlando di qualcuno con una tecnologia totalmente avanzata per l’epoca.

Però chi poteva essere questa persona o queste persone? Forse degli alieni diedero queste conoscenze agli esseri umani di quell’epoca?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *