Giuseppe Guarcini

Spread the love

Intervista a Giuseppe Guarcini, consigliere comunale, Movimento 5 stelle di Amaseno (Fr)

Come si radica il movimento 5 stelle ad Amaseno?
E’ difficile collocarlo ad Amaseno poiché  è un’innovazione rispetto alla   tradizione politica presente ed è quindi   una realtà nuova costituita dalla  realizzazione e la presentazione della lista di un vero partito:  una lista omogenea per la prima volta ad Amaseno ed ogni candidato ha la sua professionalità.

Siamo convinti del fatto che  il  Sindaco non sia  il “tuttologo”,  ma una figura che dovrebbe dialogare con le altre forze politiche ed anche con altre figure esterne. Noi siamo in rete con altri consiglieri 5 stelle di altre cittadine della Ciociaria,  ma anche con la Regione.  Infatti c’è un bel gruppo di lavoro che si organizza con i meetup provinciali, quale  spazio di dialogo e condivisione di problemi che emergono dalla realtà locale  e sono aperti tutti e questo è molto democratico poiché  crediamo nella rappresentatività della nostra politica,  nell’ambito della vera Democrazia.
Ad Amaseno c’è un po’ di diffidenza a partecipare forse perchè non si conosce bene ancora il movimento 5 stelle che resta comunque una novità. 

Quali sono le aree di progetto per Amaseno?
Come prima  area  c’è l’ambiente ed è in stretta correlazione con l’allevamento del bestiame che è primario per Amaseno e legato alla produzione di mozzarelle, con la popolazione bufalina che è notevole. Abbiamo capito che lo smaltimento del letame può essere trasformato, attraverso adeguati  mezzi tecnici, in ricchezza, perchè è biomassa da cui si può ricavare energia o creare concimi biologici.
Pertanto vorremmo creare degli “sportelli per l’Europa”,  rispondendo a bandi europei da poter gestire a livello comunale per il bene di Amaseno per il suo sviluppo e per la sua visibilità.

Ci interessa  inoltre  creare associazioni culturali e di arte per gestire l’area turistica e culturale di Amaseno per realizzare  un marketing locale  che si sviluppi tutto l’anno e non solo l’estate in relazione alle feste patronali.
E’ importante   ristrutturare e valorizzare  i borghi medievali di Amaseno che ci riportano a non perdere il contatto con le nostre tradizioni popolari e storiche.
Queste aree  su cui vogliamo lavorare,  si intrecciano tra di loro per lo sviluppo di Amaseno nel cuore della Ciociaria storica,  cercando di trovare un “ponte” con l’Europa,  attraverso una rete di lavoro nel Comune e poi nella Regione.  Ci vogliamo lavorare nei prossimi 5 anni di mandato. Ci sta a cuore  anche il tema del  “randagismo”  e vorremmo  creare associazioni di  volontariato per  salvaguardare gli animali con delle strutture adeguate e fondi da investire con  progettualità precise e strutturate, realizzando così   obiettivi mirati,  come  frutto di cittadinanza attiva di tutti.

Intervista a cura di Elettra Cecilia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *