Il 14 Gennaio si celebra la Giornata Mondiale della Farinata.

La Farinata di ceci, anche chiamata Fainà de çeixi o Turtelassu –a Genova e nel Savonese-, è una preparazione salata, simile ad una torta dall’impasto molto sottile e gustoso. Il composto è generalmente formato da farina di ceci, olio e sale, che viene poi cotto nel forno a legna in teglie circolari di rame stagnato.

La storia della farinata

La ricetta della farinata ha origini molto antiche, ma non molto limpide: le leggende più attendibili sono per lo più due.

Alcuni attribuiscono l’invenzione della farinata agli antichi Romani: sembra che i soldati usassero cuocere un composto di legumi ed acqua nei propri scudi posizionati al sole.

Un’altra leggenda, quella più romanzata, invece, narra della nascita del piatto durante la celebre Battaglia della Meloria del 1284 combattuta tra Genovesi e Pisani. Si racconta di una nave che trasportava i prigionieri Pisani verso Genova; essa, durante una tempesta, imbarcò molta acqua e dopo alcuni giorni costrinse i soldati a cibarsi di un’insolita poltiglia di ceci ammollati ed olio fuoriuscito dai barili. Alcuni dei prigionieri Pisani, però, rifiutarono il cibo lasciando le ciotole al sole. Solo in seguito, presi dai morsi della fame, ripresero quella poltiglia che al sole si era asciugata, formando una sorta di focaccina.

I Genovesi, una volta tornati alla base, sfruttarono questo incidente e ne perfezionarono la ricetta dando vita alla Farinata dei giorni nostri: dorata, croccante ed appetitosa.

Una versione particolare di questo gustoso piatto si prepara nel Savonese: oltre alla classica Farinata di ceci, infatti, è possibile trovare la Farinata Bianca. La differenza sta nell’utilizzo, totale o parziale, della farina di grano tenero al posto di quella di ceci. Anche l’origine di tale ricetta è legata ad una leggenda: la farina di grano venne utilizzata durante un periodo di scarsità di legumi, conseguenti al blocco dei commerci da Genova.

La ricetta.

150 g di farina di ceci,

450 g di acqua,

60 g di olio extravergine di oliva

Una presa di sale fino

La creazione della Farinata si limita alla preparazione della pastella, che riunisce tutti gli ingredienti. Il composto dovrà poi riposare almeno per 12 ore. Trascorso questo arco di tempo è necessario eliminare la patina bianca che si sarà formata sulla superfice della pastella, ungere molto bene la teglia con dell’olio e versarci il composto rimasto. La cottura deve durare all’incirca mezz’ora, o comunque fino a quando la superfice non apparirà dorata, in forno a 250 °C.

La Farinata oggi

Se le origini di questo piatto non sono certe, non ci sono dubbi sulla destinazione della Farinata: dall’essere un piatto povero, è passato negli ultimi anni a godere di un grande successo grazie alla rivalutazione dello street food. Le versioni più gourmet prevedono l’aggiunta di verdure, formaggi freschi, spezie ed acciughe salate alla versione classica.

La Farinata di ceci trova diffusione in tutte le zone costiere del Mediterraneo: sebbene sia principalmente originaria della Liguria e della Toscana, è possibile degustarla anche in Costa Azzurra, in Corsica ed in Sardegna.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here