Goldenplast, coach Di Pinto: “Nel derby abbiamo incrementato l’esperienza”

La GoldenPlast Potenza Picena torna da Grottazzolina con qualche rimpianto, ma la mancata vittoria nel derby in trasferta non ha sollecitato alcun campanello d’allarme. Anzi, è uno spunto in più per la crescita degli atleti più giovani nel roster. Nonostante il movimento di forma eccellente dei padroni di casa, i biancazzurri hanno dettato i ritmi della partita in avvio, trovandosi avanti di un set e di 6 punti nei primi scampoli del secondo parziale. Poi il risveglio di Morelli, capace di superare e bucare più volte il muro potentino, l’esperienza dell’intramontabile Salgado al centro e la mossa azzeccata da parte di Ortenzi di inserire il beacher de Fabritiis hanno spezzato il ritmo degli ospiti cambiando il canovaccio dell’incontro. Dal canto suo il Volley Potentino ha continuato a difendere tutti i palloni consentendo all’opposto Bisi di colpire più volte e incrementare il bottino personale. Sono arrivate anche parecchie risposte in battuta e negli altri fondamentali, ma la crescita in fase di block dei grottesi nelle fasi topiche e qualche incertezza della GoldenPlast, in parte legata al dispendio di energie, hanno pregiudicato un epilogo differente. Soprattutto quando Potenza Picena ha sprecato il set ball che avrebbe portato le squadre al tie break.

Il gruppo di Adriano Di Pinto si è confermato vivace, ma ancora alla ricerca di una continuità di gioco da ergere a marchio di fabbrica. Una costante dall’inizio dell’anno, invece, è l’impossibilità dello staff tecnico di condurre gli allenamenti con tutti gli effettivi. Acciacchi, malanni e infortuni hanno in parte rallentato il processo di crescita. La buona notizia è che gli schiacciatori stanno ritrovando la condizione fisica perduta nelle giornate di stop. Anche nel derby, però, è rimasto in panchina per un problema agli addominali il centrale Maccarone, che nello sprint di inizio Regular Season aveva fatto registrare le statistiche migliori nelle fasi di attacco e muro. Stoico il compagno di reparto Bucciarelli, in campo nonostante i postumi di una notte di Halloween da brividi per l’appendice infiammata. La ricetta migliore per non accusare il colpo è concentrarsi sull’impegno casalingo con Massa di sabato 2 novembre (ore 20.00) all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche.

 

Ecco le dichiarazioni del coach Adriano Di Pinto: “Abbiamo perso contro una squadra in forma e ben messa in campo. Non lo dico solo io, ma anche il loro filotto di vittorie. Siamo partiti bene e, nonostante le ingenuità commesse, i miei giocatori hanno tenuto il campo con più convinzione rispetto agli stop con Siena e Roma. Sottolineo la prova di Bucciarelli. Il ragazzo era reduce da 6 ore al Pronto Soccorso per un principio di appendicite, ma, una volta ottenuto il via libera dai medici, è sceso in campo dando il massimo perché avevamo già Maccarone indisponibile. Non scordiamoci che una squadra piena di Under 23 non accumula solo punti utili alla classifica, ma anche punti nel proprio coefficiente di esperienza dopo partite così sofferte. Gli errori e l’amarezza di oggi sono tappe obbligate per i campioni di domani. Detto questo, però, ripartiamo subito senza voltarci indietro perché con Massa vogliamo difendere l’imbattibilità casalinga e fare punti in un Girone che vede tante squadre in pochi punti. Il Campionato non è ancora spaccato e ogni match diventa importante. L’importante è mantenere sempre la fiducia e continuare a riscattarci dopo ogni battuta d’arresto. Ci tengo anche a ringraziare i nostri tifosi per il loro calore”.

Gregorio Scaglioli

Caporedattore sport, appassionato di calcio e di tutto ciò che ruota attorno

Gregorio Scaglioli has 604 posts and counting. See all posts by Gregorio Scaglioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *