Calcio, serie C girone C: per l’ad catanese Lo Monaco il campionato e’ falsato

 

Il Catania punta direttamente alla serie B.

La proprieta’ Pulvirenti aspira a tornare in serie A al piu’ presto.

Alla vigilia del derby col Siracusa Lo Monaco dice: “Loro hanno giocato 4 partite in casa non io”.

Tutto cio’ poiche’lo stadio di Agrigento era indisponibile.

Per ottenere la licenza professionistica serve dimostrare di avere impianti adeguati.

A Lo Monaco non va giu’ che alcuni club non abbiano avuto da subito le carte in regola.

Secondo lui il Siracusa e’ avversario per la serie B, ma per loro non e’ un derby.

Per il Catania l’unico derby e’ col Palermo.

Si dichiara anche preoccupato per la dichiarazione arbitrale.

Col suo Catania punta ad ottenere la sesta vittoria consecutiva; nell’ultima giornata ha riposato come da calendario.

La gara sara’ giocata domani alle 20.30 allo stadio De Simone di Siracusa.

Il dirigente catanese vede insidie arrivanti dall’arbitraggio dopo che lo scorso anno in due occasioni, nello stadio siracusano i loro tifosi saltavano le transenne per infiammare gli animi.

Colpevolizza per questi gesti non la societa’ del Siracusa bensi’ le forze dell’ordine impiegate nel servizio.

Inoltre rimarca il fatto che l’arbitro designato, il signor D’Apice di Arezzo in passato ha diretto il Lecce che ha sempre vinto.

Oltre cio’ in questa stagione l’arbitro della gara ha fischiato con sempre vittorie casalinghe.

Dice ancora il navigato dirigente etneo che quando il Lecce riposera’ si giochera’ Catania Trapani.

Per quanto riguarda il suo allenatore Cristiano Lucarelli dice che e’ un mister che sta dimostrando di avere buone per il prossimo futuro.

La squadra etnea da rimarcare che dispone di una rosa con ottime individualita’.

Ci sono calciatori che hanno militato in serie A come Ciccio Lodi, Marchese, Biagianti, Curiale e Russotto.

Per questo incontro poi e’ stato stato vietato l’ingresso ai tifosi catanesi da parte della Prefettura di Siracusa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *