“QUANDO IL CAGLIARI VINSE LO SCUDETTO”

Avevo 10 anni era l’anno 1970, e Cagliari passò alla storia per “LA GRANDE CONQUISTA DELLO SCUDETTO”.Sembrava una missione impossibile ma si verificò magicamente il tutto in un’anno caratterizzato dall’alternanza della circolazione stradale ,domenica possono viaggiare le auto con targa pari la successiva quelle con la finale della targa dispari.

Si, era il tempo dell’austerity il petrolio era vero e proprio oro nero un bene prezioso che ci faceva capire i limiti imposti piu’o meno graditi.

A Cagliari era arrivato da Leggiuno Luigi Riva ala sinistra e grande punta di sfondamento,”ROMBO DI TUONO”era il suo soprannome non è sardo ma si sente piu’sardo dei sardi ha da subito un’attaccamento radicale verso l’isola la magica Sardegna lo ha catturato tanto da snobbare le varie proposte milionarie delle squadre blasonatissime abituate a scalare velocemente le alte classifiche……ma nel 1970 no…..

Ecco che a Cagliari si vive un clima carnevalesco con tanto di carri e tutti col blasone rossoblu’,bandiere cuscinetti sciarpe tutto tinto di rossoblu’.

Con la conquista dello scudetto Cagliari e l’intera isola viene conosciuta in tutto il mondo un po come la storia di Davide e Golia.

SI'”CAGLIARI CAMPIONE D’ITALIA 1969.-70″

E’stata la VITTORIA di tutti i SARDI l’impossibile impresa era avvenuta d’ora in poi sarebbe stata  il Cagliari calcio la squadra favorita,la squadra da battere.

Nei distributori di benzina venivano regalate col pieno della benzina le monete rappresentanti i giocatori della squadra “CAMPIONE D’ITALIA”.

Che gioia eravamo fieri di quel “GRANDE CAMPIONE IN CAMPO E NELLA VITA””GIGI RIVA”.

Una città ,un’isola era passata alla storia era il SUD che comandava in campo era cosi’ i poveri avevano battuto mega squadre come Juve Milan e Inter.

La formazione vedeva fornire almeno 7 elementi alla Nazionale tutti grandi campioni che giorno dopo giorno con umiltà fecero”SOGNARE E VIVERE LA GLORIA”all’intera popolazione.

Erano i tempi anche di “UN GRANDISSIMO ARBITRO””LO BELLO”tutti lo temevano,al Signor LO BELLO non sfuggiva nulla e ti puniva inesorabilmente se sbagliavi.

Colgo l’occasione per ricordare la formazione vincente:”Albertosi,–Martiradonna,Mancin,Cera,Niccolai,Tomasini,Nenè,Brugnera,Gori,Greatti,RIVA,c’era anche Domenghini mi pare si alternasse con Nenè,fatto sta era ala destra.Inoltre ricordo il”GRANDE CAMPIONE BRUGNERA E CESARE POLI”

Grazie Cagliari.

Un saluto

Alessandro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *