Ha destato molto interesse la scoperta di Nelson Jaramillo Díaz, trentaquattrenne botanico ecuadoregno, che nel corso di una investigazione ha portato alla luce una nuova varietà della pianta tropicale Bromelia, molto diffusa anche in Italia come fiore da ornamento domestico.

La diffusione delle bromelie

Come si legge anche nella scheda che il sito www.faidateingiardino.com dedica a questa pianta, la bromelia è un bel fiore tropicale che appartiene alla famiglia delle Bromeliaceae; già prima dell’intervento di Nelson Jaramillo si conoscevano oltre sessanta differenti specie, che variano per forma dell’infiorescenza e per colori, che vanno dal giallo al rosso e al viola. La sua diffusione negli ambienti domestici si deve ad alcuni fattori come la facile cura e la capacità di adattamento alla maggior parte degli ambienti, sia interni che esterni.

La scoperta in Ecuador

Nel solo Ecuador, in particolare, si stima che siano presenti circa 450 tipologie di Bromeliaceae, alle quali ora si aggiunge ufficialmente quella scoperta da Nelson Jaramillo, al termine del percorso di alcuni anni necessario per il riconoscimento internazionale. Era infatti il 2013 quando il giovane botanico, interessato alle Bromelie tanto da dedicare loro la suatesi di laurea e gli approfondimenti successivi, nota nel cimitero generale di Loja in Ecuador una pianta che attrae la sua attenzione.

Un colpo di fortuna

A catturare lo sguardo del ricercatore fu la colorazione viola del fiore, una tinta simile aquella usato nei nastri che ornavano le tombe, e così Jaramillo siavvicinò e iniziò a studiare l’esemplare. In un secondo momento ha contattato José Manzanares, uno studioso specialista della famiglia delle bromelie, che ha analizzare la specie scoperta; nel2016, Manzanares è entrato a collaborare con la NationalUniversity of Loja (UNL) e qui ha iniziato la sua prim acollezione per realizzare lo studio sulla nuova specie, inviando i risultati alle riviste scientifiche per la revisione.

L’ufficialità arriva con la pubblicazione scientifica

Torniamo dunque ai giorni nostri,perché al termine di un processo durato circa due anni la nuova specie di bromelia è stata ammessa come nuova scoperta e la notizia è stata pubblicata su una rivista internazionale, la Journal ofthe bromeliad society pubblicata a Los Angeles, in cui la pianta viene descritta come in possesso di fogliame abbondante dal tono verde chiaro, con una caratteristica principale data appunto dalla colorazione violacea degli apici di foglie e infiorescenza.

Un vanto per Loja e l’Ecuador

La pubblicazione è stata registrata a nome dei ricercatori Ángel Gutiérrez, José Manzanarese Nelson Jaramillo, e il propizio botanico ha raccontato ai media locali qualche altro dettaglio circa la sua scoperta; innanzitutto,ha ammesso il suo colpo di fortuna nel ritrovare una nuova specie rara in un cimitero, visto che in genere questi ritrovamenti avvengono con studi in posti più sperduti come le zone di montagna.Inoltre, il giovane (che ora lavora come ricercatore e tecnico dell’erbario presso la UNL) ha definito questa scoperta un traguardo per la città di Loja e l’intero Paese, poiché in tutto il mondo ci sono 3.900 specie di Bromeliaceae, che ha dovuto analizzare e confrontare in maniera approfondita con quella “cimiteriale” per verificarne le differenze. 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here