La serie tv più conosciuta e amata di tutti i tempi per la sua genialità, ha lanciato un episodio ”promo” della nuova stagione che ne seguirà.

Dopo sole 4 stagioni e 19 episodi, Black Mirror rientra a far parte della #Top10 delle serie del Regno Unito che noi italiani amiamo di più. Ma non solo noi. Siamo sinceri, chi non vorrebbe vivere almeno in un episodio di BM?

Ogni episodio come ben sappiamo è a sé stante, e questo rende più fluida la visibilità a chiunque, soprattutto a chi non ha tempo ma è da sempre un super fan delle serie tv. Infatti, si può godere un episodio senza preoccuparsi di perdere il filo quando magari il successivo si vedrà dopo una settimana.

Poi invece, ci sono i burloni che partono dall’ultimo episodio fino al primo, e chi invece fa un bel mix tra le stagioni. Insomma, ci si può veramente sbizzarrire.

C’è un unico filo conduttore: l’incedere e il progredire delle nuove tecnologie, l’assuefazione ad esse ed i loro effetti collaterali.

Con il nuovo episodio Bandersnatch, Brooker voleva in un certo qual modo, accontentarci tutti, infatti udite udite, il protagonista di Bandersnatch…. sei tu, sono io, siamo tutti noi. Il protagonista è chiunque sta vedendo l’episodio, proprio per questo Bandersnatch viene definito un episodio interattivo. Noi siamo la mente pensante del ragazzo co-protagonista di Black Mirror. L’aiutiamo con le decisioni, anzi, direi che le prendiamo proprio al posto suo, partendo da quali cereali mangiare a colazione. C’è sempre un momento durante la storia dove lo schermo diventa più piccolo e appare una barra nera con la domanda e due alternative.

Questo infatti ci porterà a vari finali diversi a seconda delle decisioni che prenderemo durante la serie. Proprio per questo, è possibile vedere l’episodio più volte. Ma il bello deve ancora arrivare: c’è un momento in cui il ragazzo si rivolgerà direttamente a noi e ci chiederà chi siamo, e perché controlliamo la sua mente. La cosa più bella e che puoi decidere di dirgli assolutamente la verità! Ovvero che sei un fan sfegatato seduto comodamente su una sedia e fissare il pc guardando Netflix, e ovviamente, comandando lui, ovvio.

Il ragazzo avrà praticamente una profonda crisi d’identità e ”lo manderemo al manicomio”, tutto il resto è da scoprire.

Le critiche negative legate all’episodio sono state tantissime, ed effettivamente i giochi interattivi esistono già da tempo, e in Black Mirror le alternative scarseggiano e spesso, sceglie Netflix per te. Ma sappiamo perfettamente che Bandersnatch è solo una prova, e personalmente a me è piaciuta tantissimo! Dopotutto, è un episodio di una serie tv, non un gioco per la play station.

Saranno parole troppo di parte perché sono una grande fan?

Black Mirror Bandersnatch #EpisodioInterattivo è disponibile su Netflix e Channel 4.

Condividi e seguici nei social
error

15 COMMENTS

  1. A dire il vero non conosco questa serie, ma mi hai incuriosita molto. Strano, perchè se arriva dalla GB dovrebe esserci anche qui. magari uscirà piu avanti. Attendo e intanto mi informo.

  2. Ho sempre amato Black Mirror fin dalla prima stagione. Mi sono piaciuti un sacco di episodi, specialmente quelli relativi al futuro dei social (se non ci diamo una regolata diventeremo davvero così) e San Junipero. Questa puntata, Bandernatch, l’ho amata, sia per il fatto dell’interattività sia perché lancia un messaggio molto simile a quello che lanciò Orwell in 1984. Lui diceva “Big Brother is watching us”. Ma, quando il protagonista si rivolge a noi, è come se dicesse “Netflix is watching and controlling us”. Assurdo. Distopico. Ma anche molto vicino alla realtà. Geniale.

  3. Non riesco più a legarmi alle serie TV, un tempo ero una vera maratoneta, adesso ho perso l’abitudine. Questa però mi sembra abbia una trama interessante, potrei riprendere a maratonare 🙂

  4. La conosco, ne parlano in molti! Non è il mio genere…ma quello di mio marito sì!!!
    Se sono giunti alla quinta serie…vuol dire che spopola!
    Nicoletta

  5. Non conosco per niente questa serie,per il momento sono piu’ presa dai medicaldrama ma magari piu’ in la mi potrebbe interessare…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here