Bali (Indonesia) – Violento sisma 7.0: diversi danni hotel evacuati. 3 morti

Crolli e paura, turisti anche occidentali si sono riversati per le strade. Rientrato l’allarme tsumani, ma la scossa è stata sentita anche a Bali.  L’epicentro a nord dell’isola, a una profondità di 10,5 km.

Una scossa di terremoto di magnitudo 7.0 ha colpito l’isola di Lombok, in Indonesia, a est di Bali. Il sisma ha provocato danni a molti edifici che sono completamente o parzialmente crollati. Lo riferiscono media internazionali precisando che la gente, terrorizzata, si è riversata nelle strade. Un primo bilancio parla di almeno tre morti. Lo hanno riferito le autorità locali.

Il terremoto è stato registrato a nord dell’isola, intorno alle 18.46 ora locale. I primi dati indicano che l’epicentro è stato localizzato a una profondità di 10,5 chilometri. La scossa è stata avvertita anche nella vicina Bali, dove ci sono stati danni a edifici e centri commerciali. Dopo la prima scossa, ne sono susseguite altre di assestamento, la più forte di magnitudo 5.4. L’acqua del mare è entrata in due villaggi, ora allagati da 10-13 centimetri di acqua.

“Per favore andate in luoghi ad altitudine elevata, restando calmi e senza entrare in panico”, è l’appello lanciato in tv alla popolazione dal capo dell’agenzia per meteo, clima e geofisica, Dwikorita Karnawati.

La polizia ha invitato la popolazione a seguire le norme di comportamento previste in questi casi. Molti hotel dell’isola, frequentata da turisti occidentali per le spiagge bianche e la barriera corallina, sono stati evacuati. Anche il principale ospedale – rimasto privo di elettricità – è stato evacuato

Dopo la prima scossa, era stato emesso un allarme tsunami, ora revocato.

Condividi e seguici nei social

Leonardo Pietro Moliterni

Presidente dell'Associaizone L'Ancora Redattore Responsabile di Cronaca e Attualità

Leonardo Pietro Moliterni has 4754 posts and counting. See all posts by Leonardo Pietro Moliterni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook