B squadre in Italia. Pro e contro

B squadre in Italia. Pro e contro

B squadre è un progetto da tempo caldeggiato dalla federazione. Idea non certo nuova dato che all’estero esiste da diversi anni.

In Spagna, Olanda e Portogallo queste squadre (jong in Olanda o semplicemente squadra 2 in Germania, Polonia ecc) giocano dalla b in giù senza diritto di essere promosse in A. Inoltre se la squadra principale retrocede dalla A la squadra B non può rimanere in seconda categoria.  In alcuni paesi come Olanda e paesi baltici, alcune delle seconde squadre partecipano anche alla coppa nazionale (non in Germania o Spagna).

La seconda divisione  tedesca non ammette  le seconde squadre che partono dalla terza serie, mentre la quarta è zeppa di esse.

In Olanda l’Ajax riserve ha vinto (senza promozione) la seconda divisione olandese mentre il Barcellonab avrebbe diverse volte disputato i play off promozione da cui è però escluso per regolamento. Mourinho e Zidane prima di allenare la prima squadra di Barcellona e Real hanno allenato le riserve in B.

In Francia una buona fetta delle circa 80 squadre che compongono la quarta serie (4 gironi) è formata da squadre riserve le cui squadre “madri” giocano in Ligue1 o Ligue2. Non possono essere promosse in National la terza serie francese.

Il valore delle seconde squadre si è visto già al primo turno dell’Europeo under19. I due marcatori portoghesi contro la Norvegia giocano entrambi nella seconda divisione portoghese con la seconda squadra di Braga e Sporting con 33 presenze in due.

Il marcatore italiano invece ha giocato “solamente” con la primavera dell’Inter.

Le questioni da chiarire in Italia sono varie ( e all’estero le risposte cambiano a secondo del paese).

  • Possono salire in B? Retrocedere in D?
  • Le squadre riserve retrocesse possono fare domanda di ripescaggio a fine stagione?
  • Regole per gli stranieri
  • Trasferimenti tra squadra principale e riserve a Gennaio
  • Valgono le stesse regole sugli under che per le squadre normali nella categoria?

Le correnti di pensiero soprattutto sui punti 1 e 5 cambiano molto. Avere il Cassano di turno ( cioè un giocatore escluso dalla prima squadra per motivi non sportivi) in C potrebbe cambiare gli equilibri, mentre troppi o troppo pochi under rischia di avere lo stesso effetto.

In Spagna, Portogallo  e Olanda le squadre riserve sono zeppe di giovanotti che hanno bisogno di giocare come professionisti per essere poi naturalizzati. Un terzo della nazionale francese campione del mondo è di origine africana e naturalizzata.

Inoltre come al solito è in corso “la guerra dei ripescaggi”. Inserire squadre riserve toglie posti alle squadre “normali” soprattutto quelle appena retrocesse.

La logica risposta sarebbe la riduzione degli organici portando la b a 20 e la C a 54. Ma a quanto sembra non sarà cosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *