Accordo Brexit: la Premier May e i consensi

Dopo 5 ore di riunione, la Premier Theresa May ha ottenuto il consenso unanime

Ieri sera la Premier britannica da Downing Street ha annunciato il sostegno del suo gabinetto per l’intesa Brexit.

Lo ha annunciato dichiarando che “Questo accordo, che rispetta il voto del referendum, riporta il controllo dei nostri soldi, delle leggi e dei confini, pone fine alla libera circolazione, protegge i posti di lavoro, la sicurezza e la nostra Unione. O lasciamo senza nessun accordo oppure senza Brexit per tutti”.

Cosa è stato concordato?

L’accordo del divorzio consta dei seguenti punti cruciali:

  • il Regno Unito pagherà tra £ 35 miliardi e £ 39 miliardi all’UE per coprire tutti i suoi obblighi finanziari;
  • 21 mesi di transizioni in cui il Regno Unito rimarrebbe sotto la giurisdizione della Corte di Giustizia Europea;
  • un’unione doganale temporanea che comprenda non solo l’Irlanda del Nord, ma l’intero Regno Unito;
  • la pesca è fuori dal egime doganale;
  • ci sarà ancora libera entrata ed uscita dalla Gran Bretagna, ma se tra 5 anni i documenti degli Europei non rispetteranno gli standar di identificazione biometrica, non verranno accettati.

 

La Premier May non è ancora salva dalle bufere

La minaccia che incombe sulla Premier  è invariata; in Parlamento l’accordo sarà molto probabilmente stralciato e fatto a pezzi.

Già, perchè prima di conoscere il contenuto dell’accordo Nigel Farage ad esempio, ex leader dell’Ukip, ha invitato ogni membro del governo “che sia un vero ‘Brexiter’ a dare le dimissioni”. “Questo è il peggior accordo della storia”.

Soltanto 48 firme necessarie per dare il via ad una mozione di sfiducia nei riguardi della Premier e del divorzio dall’UE.

Il punto peggiore dell’accordo Brexit rimane sempre la frontiera fisica, risolta ora con una soluzione temporanea e quasi immutata rispetto al pre-Brexit, rimandata al mometo in cui a qualcuno verrà un’idea brillante.

E per l’appunto il Ministro Tory per l’Irlanda del Nord, Shailesh Vara, ha di prima mattina annunciato le sue dimissioni:

 

 

Con molta tristezza e rammarico ho presentato la mia lettera di dimissioni in qualità di Ministro ell’irlanda del Nord alla Premier….

 

 

A Bruxelles

Intanto, Micheal Barnier da Bruxelles tuona che con questo accordo sono tutelati i diritti di tutti cittadini.

17 mesi di negoziato, 585 pagine di accordi contenenti tre protocolli relativi alla frontiera irlandese, l’isola di Cipro e Gibilterra, 185 articoli in totale. Sia la Francia che la Spagna hanno dichiarato di voler essere accurati nella valutazione dell’intesa; la Spagna in particolar modo per via del rapporto con Gibilterra.

 

 

Antonella Falabella

Dai numeri alle lettere e dal bianco e nero al rosa. Alla ricerca continua del cambiamento!

Antonella Falabella has 188 posts and counting. See all posts by Antonella Falabella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *