3 ^ 4 posto la finale che non si vorrebbe giocare

Spread the love

3 ^ 4 posto la finale che non si vorrebbe giocare.

3 ^ 4 posto è una finale “strana”. Tutti vorrebbero giocare quella per il primo e quasi nessuno punta a quella ad inizio di un qualsiasi torneo.

Il calcio non fa eccezione naturalmente. In alcuni casi la nazionale più forte sulla carta a inizio torneo è poi finita a giocare la finale per il terzo posto. Due esempi su tutti l’Italia del 1990 e il Brasile nel 2014.

Nel 2006 la finale per il terzo posto è stata tra la Germania padrona di casa e il Portogallo. Nonostante la stanchezza e la delusione dopo la sconfitta ai supplementari contro l’Italia, la Germania vince il terzo posto con un 3-1. Tre reti nella ripresa della Germania con il Portogallo che accorcia quasi allo scadere della ripresa. A segno due volte Schwensteinger e un’autorete di Petit. Gol della bandiera segnato da Nuno Gomes.

Nel 2010, la Germania giocò nuovamente per il terzo posto questa volta contro l’Uruguay.

La gara molto combattuta terminò 3-2. Muller e Jansen segnarono i primi due gol tedeschi. Nei 38 minuti tra i due segnarono anche Cavani e Forlan. Definitivo vantaggio tedesco con rete di Khedira a 10 dallo scadere.

Nel 2014 l’Olanda battè 3.0 un Brasile ancora frastornato dal disastro contro la Germania.

A segno Van Persie e Bllind a inizio gara e Winaldum allo scadere della ripresa.

Olanda Brasile è l’ultimo esempio di un tipo di finale per il terzo posto che capita sovente non solo al mondiale di calcio. Una squadra molla o comunque mette in campo una formazione che in una finale per il primo non schiererebbe dall’inizio.

La Bulgaria del 1994 che praticamente fece poco più che atto di presenza. La Francia nel 1982 sia nel 1986 nella finale per il terzo posto lasciò in panchina Platini e il portiere titolare.

Dopo il torneo del 1978 nella finale per il terzo posto si è sempre segnato uguale (1 sola volta) o di più della finale per il primo posto. Inoltre non è ancora capitato che entrambi le finali finiscano ai supplementari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *