Sherlock: l’eccezionale serie sul celebre investigatore

Spread the love

SHERLOCK è un’acclamatissima serie televisiva britannica in produzione dal 2010, la quale ad ora conta quattro stagioni più uno speciale natalizio, per un totale di 13 episodi. Nel Regno Unito va in onda sulla rete BBC One, mentre in Italia è stata trasmessa, in ordine cronologico, da: Joy (stagioni 1-2), Premium Crime (st. 3) e Netflix (st. 4). Al momento non è in produzione un’eventuale quinta stagione visti i tantissimi impegni lavorativi degli attori principali e dei produttori, né vi è certezza che potrà essere prodotta in futuro. Quindi c’è la concreta possibilità che la quarta stagione sia stata l’ultima alla quale hanno potuto assistere gli spettatori, ma con una produzione di questo calibro mai dire mai.

Creata dai ben noti Steven Moffat e Mark Gatiss, come detto Sherlock è un’acclamatissima e riuscitissima trasposizione televisiva delle avventure dello Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle. Il genere è quindi il più classico “giallo”, ben condito dall’altrettanto famoso british humour. Tredici episodi prodotti in nove anni possono sembrare pochini, però ne valgono tutti la pena di essere visti, a maggior ragione se si pensa che possono benissimo essere considerati tutti dei mini-film vista la durata media di 90 minuti ciascuno. Inoltre è la qualità della sceneggiatura e della recitazione a rendere gli episodi al pari di una pellicola.

Tra le tante versioni degli adattamenti delle opere letterarie riguardanti il celebre investigatore (divise tra cinema e serie tv), questa è senz’altro tra le migliori, applauditissima ed estremamente convincente. È ambientata ai giorni nostri, con tutta la tecnologia moderna di cui disponiamo, ma ciò che rimane invariato è il famoso indirizzo di residenza 221B di Baker Street, tratto distintivo del personaggio; inoltre è anche qui presente il celebre villain Moriarty, tra l’altro magistralmente interpretato.

La storia segue dunque i casi di Sherlock Holmes, arrogante, vanitoso, permaloso, geniale, unico, investigatore privato (che collabora anche con la polizia quando quest’ultima gli richiede consulenza), affiancato nelle sue indagini dal fido John Watson, gentile, generoso, ingenuo, scuipafemmine, reduce della guerra in Afghanistan. I due, stringendo un forte legame anche di amicizia, investigano contro personaggi loschi e crudeli nella Londra contemporanea; il loro modo di lavorare si rivela unico, e alla fine raggiungono sempre il loro obiettivo, anche se talvolta il prezzo da pagare è stato sostanzialmente alto…

La serie merita assolutamente, è stata accolta benissimo da pubblico e critica, finendo per piacere anche a chi non è un particolare fan dell’investigatore britannico; è infatti girata benissimo ed è intrigante, raggiungendo talvolta altissimi picchi di suspence, e le deduzioni di Sherlock sono stupefacenti (degne di una mente superiore). Dal serial è stato tratto un manga fedelissimo allo sceneggiato televisivo.

Attori protagonisti assoluti sono le due star Benedict Cumberbatch (nei panni di Holmes, letteralmente perfetto nel ruolo, incarna il personaggio alla perfezione, amabilmente odiabile), e Martin Freeman (il buon Watson, simpatico ed a volte tenero nel suo esser preso in giro da Sheelock, sicuramente è una degna spalla, affidabile e precisa); vi recitano inoltre Andrew Scott (eccezionale nelle vesti Jim Moriarty, folle personaggio altrettanto geniale) e Mark Gatiss (è il fratello di Sherlock, Mycroft Holmes, nonché come detto co-creatore della serie).

Per i fan orfani della serie la speranza che lo show non sia definitivamente concluso è l’ultima a morire, anche se non sarà facile mettere in moto la produzione di una quinta stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *