Ulm e New Ulm due città tedesche che si affacciano sul Danubio

Spread the love

Ulm e New Ulm sono due città tedesche che si affacciano sul Danubio nella Germania del nord. Appartengono rispettivamente alla regione del Baden Wuttemberg e alla regione della Baviera.

A dividerle il fiume Danubio, il secondo corso d’acqua più lungo in Europa (dopo il Volga) nonché il più lungo fiume navigabile del continente europeo.

Ulma, com’è conosciuta in italiano, richiama i turisti per la maestosità della sua Cattedrale, il Municipio, il Museo del pane, le fortificazioni, il Quartiere dei Pescatori e il parco Friedrichsau.

Ma il personaggio più illustre che ha ricevuto i natali a Ulm è il fisico Albert Einstein, ricordato da una statua nel punto esatto in cui viveva.

Ora la casa non esiste più in quanto è andata distrutta durante il secondo conflitto mondiale. Ulm deve il suo prestigio e la sua grandezza ai commerci, all’artigianato e all’industria.

La cattedrale di Ulm

Simbolo della città grazie al suo campanile con la guglia più alta del mondo, ben 161,5 metri. Arrivare in cima sarà un’esperienza incredibile e un esercizio fisico non indifferente dato che si dovranno salire ben 768 scalini!

Fu eretta oltre 600 anni fa “a gloria di Dio e per il vanto dei cittadini“, come emblema di indipendenza e segno di prestigio e di ricchezza.

Il 30 giugno 1377 il borgomastro Ludwig Krafft, per ordine del consiglio, del clero e della borghesia, pose la prima pietra della chiesa parrocchiale. Diventerà ufficialmente Cattedrale solo 100 anni più tardi.

Fu completato solamente tra il 1844 e il 1880 dopo anni di difficoltà dovuti alla faraonica costruzione. Il risultato però fu eccezionale: la Cattedrale di Ulm rappresenta una delle più belle opere dell’arte gotica.

Rathaus (il Municipio)

Dopo la Cattedrale, il Municipio è l’edificio più fotografato della città. Esso consta di tre complessi architettonici, trasformati ed ampliati.

L’ala nord del 1357, sorta come emporio di stoffe, l‘ala est del 1370, ex emporio anch’essa e l’ala sud-ovest, ex casa a travatura reticolare visibile.

Distrutta completamente nel 1944, fu ricostruito identico dopo la guerra nel 1951.

All’interno del Municipio si può ammirare una fedele ricostruzione dell’apparecchio con cui Albrecht Berblinger, detto “il Sarto di Ulm“, nel 1811 tentò di sorvolare il Danubio.

Le facciate esterne sono riccamente decorate ed è presente un orologio astronomico del 1520. Di fronte si trova la fontana opera di Jorg Syrlin denominata Syrlinbrunnen.

Il Museo tedesco del Pane

Fondato dal dottor W. Eiselen è un’istituzione completamente privata. Il museo occupa dal 1991 i locali storici di Ulma che nel passato erano adibiti a deposito di sale.

Vi sono illustrate l’evoluzione naturale del grano, le tecniche di macinatura e di cottura al forno, la storia culturale e sociale del grano, aneddoti sulla mancanza di cibo nel corso delle epoche e il suo significato attuale.

Weinhof e il Quartiere dei Pescatori

Dalla Marktplatz attraverso Kronengasse si raggiunge il Weinhof, dove un tempo sorgeva la residenza reale. Fu abbattuta nel 1612 e al loro posto sorse la Casa del Giuramento.

Nella ricorrenza dello storico giuramento del 1397, il sindaco di Ulm si affaccia al balcone della casa e rinnova il suo impegno verso i cittadini, giurando di “essere imparziale verso ricchi e poveri, agire rettamente, senza pregiudizi in tutti gli affari comuni“.

La casa del Giuramento ospita oggi l’archivio civico e la biblioteca. Dal Weinhof si arriva al quartiere dei pescatori passando accanto alla muraglia detta “Staufenmauer“.

Una volta qui vi abitavano i conciatori, i tintori, i mugnai, i pescatori e i battellieri. In questa zona si alternano graziose stradine, angoli romantici, tipiche case a travatura reticolare visibile che affascinano i turisti.

Friedrichsau

Nel maggio del 1811 il re del Vurttemberg, Friedrich, visità per la prima volta Ulm. Portò in dono 2000 fiorini per istituire un parco di ricreazione che più tardi fu chiamato in suo onore Friedrichsau.

All’interno si possono trovare campo giochi per i bambini, minigolf, scacchi e bocce, aiuole, giardini, stagni e un padiglione tropicale con animali selvatici.

 

Neu Ulm è la zona “periferica” di Ulm, inizialmente faceva parte della stessa regione ma è entrata a far parte della Baviera nel 1802.

Se a Ulm si può passeggiare per il centro storico che ha visto crescere il dominio, a Neu Ulm troviamo gli edifici moderni che sono sorti con l’industrializzazione e lo sviluppo della città.

Entrambe però si riconoscono come due facce della stessa medaglia, l’antica e la moderna.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *