Genoa quasi salvo condanna il Crotone al terzultimo posto. A Marassi finisce 1-0

Spread the love

E’ un Genoa fresco e vivace, quello che scende in campo a Marassi per accogliere ed affrontare il Crotone di Zenga. Una prima frazione di gioco caratterizzata dalla presenza del Var. Tre gli interventi nell’arco del primo tempo. Il primo per chiarire un possibile fallo di mano avvenuto in area calabrese, il secondo per cancellare un calcio di rigore concesso da Irrati per fallo da parte di Cordaz e, il terzo ed ultimo, per concedere il gol decisivo a Bessa e cancellare ogni dubbio sul fuorigioco contestato dai calabresi. A servire il preciso pallone per la testata vincente di Bessa è stato Medeiros. L’unica occasione avuta dagli uomini di Zenga, nel corso dei primi 45 minuti, è arrivata al ’40 quando, un errato e sfortunato rinvio di Perin stava per favorire Simy.

Nella ripresa entra in campo un Crotone decisamente più attivo sulle varie zone del terreno di gioco. Zenga inserisce Barberis per favorire verticalizzazioni alle punte rossoblù e, infatti, al ’78 minuto, Federico Ricci colpisce di testa con assoluta determinazione ma, non riesce ad andare oltre il palo esterno della porta. L’ultimo brivido, per gli ospiti, arriva alla fine della gara con Bertolacci che va a colpire la traversa.

Termina 1-0 a Genova. Con un Ballardini che si allontana ormai definitivamente dalla zona rossa della retrocessione e guadagna una quasi salvezza. Per il Crotone la situazione non può che essere del tutto differente. Al terzultimo posto chiude la sua 32° giornata di serie a e, in vista del prossimo incontro con la Juventus, Zenga si prepara a lavorare con determinazione e con  molta speranza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *