“Bambino Gesù”, bambino di 4 anni affetto da leucemia, salvato da una nuova terapia

Spread the love

In Italia, a Roma, all’ospedale ‘Bambino Gesù’, viene utilizzata per la primissima volta la terapia cosiddetta ‘genica’. Il metodo consiste nel manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore.
Il paziente sottopostosi a tale cura è un innocente bambino di soli 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta di tipo B cellulare, la stessa che colpisce in maniera quasi frequente i bambini di quell’età.

Il piccolo, dopo aver subito vari trattamenti chemioterapici e trapianto di midollo osseo , aveva completamente esaurito ogni speranza di poter sopravvivere. Lo ha spiegato lo stesso Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Onco-ematologia pediatrica, Terapia cellulare e genica del Bambino Gesù. “Non erano più disponibili altre terapie potenzialmente in grado di determinare una guarigione definitiva. Qualsiasi altro trattamento chemioterapico avrebbe avuto solo un’efficacia transitoria o addirittura un valore palliativo. Grazie all’infusione dei linfociti T modificati, invece, il bambino oggi sta bene ed è stato dimesso. È ancora troppo presto per avere la certezza della guarigione, ma il paziente è in remissione: non ha più cellule leucemiche nel midollo. Per noi è motivo di grande gioia, oltre che di fiducia e di soddisfazione per l’efficacia della terapia. Abbiamo già altri pazienti candidati a questo trattamento sperimentale.”

Un successo davanti al quale bisogna solo inchinarsi. Un esperimento andato a buon fine che lascia presagire tante altre guarigioni. Impegno e dedizione, quelli degli stessi ricercatori, che portano speranza nel cuore di ogni paziente. Uno spiraglio che lascia intravedere luce, luce e ancora luce.

Altri i pazienti inseriti in una lista d’attesa per poter godere dello stesso trattamento riservato al bambino. Considerata, dagli esperti, una delle strategia più innovative e promettenti nella ricerca contro il cancro : prelevare i linfociti T del paziente, modificarli geneticamente mediante un recettore che li potenzia e gli permette di riconoscere e attaccare le cellule tumorali presenti nel midollo o nel sangue, fino ad eliminarle, addirittura, del tutto.

Il primo vero esperimento di manipolazione genica è avvenuta nel 2012 in Usa, proprio su una bambina di 7 anni, affetta anch’essa dall’identica malattia del bimbo italiano. Di conseguenza , le sperimentazioni non hanno mai smesso di essere messe in atto in tutto il resto del mondo , raccogliendo, fino ad ora, un notevole e positivo risultato.

Senza voler gratuitamente regalare false illusioni , medici e ricercatori, cercano di portare avanti, non solo gli studi e le pratiche scientifiche, ma anche e soprattutto la vita delle persone.

Serviva una notizia del genere. Un appiglio al quale aggrapparsi, una viva e candida speranza in un mondo in cui le sopracitate malattie sembrano ormai essere all’ordine del giorno. Serviva crederci , in un mondo in cui certi termini drizzano i capelli alla sola pronuncia, alla sola lettura. Mieloma, carcinoma, leucemia o il ‘solito tumore’. Ma che è! Montagne troppo alte da riuscire a scalare, nella maggior parte dei casi. Banali dolori fisici accolti, oggi, con eccessive dosi di ansia e tensione. Un’intera popolazione diventata schiava di ipotetici tumori. Tutto il mondo , oggigiorno, vede tumori dove non ci sono. Tutto il mondo ,oggigiorno , pronuncia i medesimi termini almeno una volta al giorno, macché una volta. Magari fosse una sola volta! Per non parlare dei media, mezzi di comunicazione, radio, tv, web, social. Tutto e dappertutto oggi ci mette davanti questo insormontabile dilemma che, a Roma, oggi, sono stati in grado di rendere un po’ meno pesante, un po’ meno spaventoso. Più leggero. Un po’ meno ‘nero’ di quello che realmente è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *