Bologna violenta: esce il nuovo EP “Cortina”

0
45

Segnatevi la data del 20 ottobre perché sarà il giorno di uscita di “”, nuova fatica dei . Un titolo ispiratore che racchiude nell’immagine di una cortina di ferro un concetto intenso: un muro da abbattere per allontanarsi dal conosciuto e dal banale.

La copertina stessa di “Cortina” è musica per gli occhi: un trampolino in bianco nero situato a Cortina d’Ampezzo. Un simbolismo per denunciare l’abbandono architettonico di mostri di ferro creati da e per l’uomo, ma anche un chiaro riferimento a un salto nel vuoto. Quello compiuto da questo progetto che si presenta unico nel suo genere e così differente da quanto proposto dall’attuale industria musicale.

La musica dei Bologna Violenta ben riesce nell’intento di differenziarsi, portando il progressive made in Italy ad un livello superiore. Niente chitarra, niente basso, niente pianoforti, solo un violino, una batteria e un pedale per organo. Ciò che ne consegue è una sperimentazione coerente con se stessa. Troppe volte il progressive è stato adagiato in diktat musicali che ne hanno affossato le origini e impedito di trasmutare in un continuo divenire. Bologna Violenta diventa quindi portabandiera del genere e spinge la sua musica fino limiti.

Ascoltare “Cortina” diventa quindi un’esperienza. Brani, a volte davvero minimal, che si susseguono in maniera febbrile. Può capitare che l’ascoltatore non capisca quando finisca una traccia e ne cominci un’altra, ma è tutto un programma definito dell’EP, capace di trascinarlo in una dinamica intensa, fluttuante e senza pause. Una curiosità in merito all’album è che ogni pezzo porta il nome di “criptomelodia”, omaggio a Demetrio Stratos (cantante degli Area) che fu uno dei primi a trattare la voce come un vero e proprio strumento, riuscendo in virtuosismi melodici e caratteristiche timbriche impensabili per il tempo.

“Cortina” sarà pubblicato in cassetta il 20 ottobre (in edizione limitata) da Dischi Bervisti e in formato digitale da The Orchard.

Il progetto Bologna Violenta nasce nel 2005 da un’idea di Nicola Manzan, violinista polistrumentista, che con i suoi suoni estremi e le sperimentazioni, è riuscito a pubblicare diversi album con nomi diversi. Tutti accomunati dall’intento di rappresentare le mille follie dell’uomo e i suoi contrasti con il mondo, la natura e se stesso. Da qualche anno, si è unito Alessandro Vagnoni, batterista polistrumentista. Diversi invece gli artisti che hanno collaborato ai diversi album, da Baustelle a Jesu, fino a Menace.

Il duo attualmente è in piena attività e in procinto di andare in tour dal 21 ottobre. Le date sono ancora in aggiornamento ma al momento sono queste:

21-10 – GOTR Festival c/o Wave, Misano Adriatico (RN)
22-10 – Circolo Magnolia, Segrate (MI) w/ Igorrr
23-10 – Cycle Club, Calenzano (FI) w/ Igorrr
03-11 – Astro Club, Fontanafredda (PN)
10-11 – Covo Club, Bologna
15-11 – La Maroquinerie, Parigi (F) w/ Igorrr
16-11 – Kinky Star, Gent (B)
18-11 – Arci Dallò, Castiglione delle Stiviere (MN)
01-12 – Riff Club, Prato
02-12 – Ekidna, Carpi (MO)
22-12 – Blah Blah, Torino

 

LASCIA UN COMMENTO