Spread the love

Ogni estate una decina di club rinunciano all’iscrizione ai campionati professionistici poiché sommersi dai debiti.

Altre squadre fanno fatica ad ottenere la licenza, ma è solo questione di tempo perché le porte dell’Inferno sono destinate ad aprirsi.

È un po’ quello che sta accadendo al Modena in questa stagione.

Il club emiliano è stato penalizzato di un punto per non aver giocato le gare contro l’Albinoleffe ed il Mestre ed ovviamente perse a tavolino.

Dopo 8 giornate ha perso tutte le partite e si trova ultimo a -1.

Alla quarta volta che ciò accade subirebbe l’estromissione dal campionato.

C’è una nuova proprietà ma risolvere i problemi non è semplice: il Comune ha sfrattato il club poiché non ha saldato un debito di 600 mila euro.

Prima di poter rigiocare al Braglia dovrà versare la cifra nelle casse comunali.

Nel frattempo il Comune ha concesso 3 giorni per ripulire tutti i locali dell’impianto.

Per risolvere tutti i problemi si dovrà coprire un debito di circa 5 milioni di euro.

Per il giorno 16 la società dovrà anche saldare gli stipendi e versare i contributi ai suoi tesserati del mese di luglio ed agosto: son più di 300 mila euro.

Se ci saranno altri ritardi il Modena verrà ulteriormente penalizzato.

Serve quindi una riforma dei campionati professionistici dove solo chi è in grado di affrontare tal campionato potrà accedervi.

Per quanto riguarda il Modena si va verso una non iscrizione dato che in giro molti sono scettici nel miglioramento e in una rinascita.

Come quest’anno per il Modena in passato altre gloriose società hanno avuto gli stessi problemi societari.

Tra quelle che che hanno dovuto ricorrere ad una mancata iscrizione, in estate è toccato al Latina, al Messina, al Mantova, al Como e alla Maceratese.

Da ricordare anche il Parma, il Venezia, il Padova, la Triestina, il Siena, il Varese, il Grosseto ed il Lanciano negli ultimi anni.

Per evitare ciò il presidente Lotito spera in una riduzione delle società in serie C.

Altri articoli che potrebbero interessarti: