Matera – I volontari della Protezione Civile: “Da ottobre un’emergenza dopo l’altra”

Dal mese di ottobre abbiamo avuto in media un’emergenza al mese perche’ siamo intervenuti su tre alluvioni in 45 giorni e per il crollo in vico Piave a Matera. Siamo comunque in allerta. Il nostro approccio e’ questo, essere sempre pronti e penso che le condizioni meteorologiche non consentano momenti di rilassamento; certamente ci piacerebbe fare pochi interventi perche’ significherebbe che non ci sono emergenze”. Lo ha detto all’Adnkronos Pio Acito, del Gruppo Volontari per l’ambiente di Matera, che opera prioritariamente nella provincia di Matera. ”Eravamo soddisfatti della stagione antincendio con pochi episodi – aggiunge – poi c’e’ stata questa lunga serie di emergenze. Abbiamo dato il nostro contributo dove ci sono state frane e alluvioni per mettere in salvo le persone ed abbiamo dato il nostro aiuto per salvare Sara e l’ingegnere Nicola ed estrarli dalle macerie in vico Piave a Matera. Abbiamo ricevuto un pubblico ringraziamento dal vice ministro all’Interno, Filippo Bubbico, che era con noi nella polvere quel giorno. Purtroppo non abbiamo potuto fare niente per Antonella. Siamo stanchissimi – sottolinea Acito – ma restiamo vigili. Ci piacerebbe molto di piu’ fare formazione, fare esercitazioni anziche’ andare sul posto perche’ vuol dire che c’e’ l’emergenza. Questo e’ il nostro compito”.

Autore: Leonardo Pietro Moliterni

Presidente dell'Associaizone L'Ancora Redattore Responsabile di Cronaca e Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *